.
Annunci online

supermanu05 [ blog altamente apota. ]
 




e va ora in onda su  BODRUMTV    - MEGADETH     train of consequences











cosa assolutamente importante per il visitatore:




SE PASSI DAL MIO BLOG HAI L'OBBLIGO DI LASCIARE UN COMMENTO.


(PUOI ANCHE SCRIVERE: IL TUO BLOG FA CAGARE.)




L'AUTORE DEL COMMENTO PIU' FANTASIOSO, O PIU' FANTASIOSAMENTE OFFENSIVO VINCERA' UNO STUPENDO TOSTAPANE ORIGINAL MONDIALCASA











per chi leggendo il mio blog sentisse il bisogno irrefrenabile di congratularsi o insultare il sottoscritto in privato,  il mio account msn è



bausetete@hotmail.it












IL MIO BLOG






IO



...visto che ginocchi fighi?




ECCO... IO STO QUI...






MA è QUASI PIù FACILE TROVARMI QUI...






DA RICORDARE COMUNQUE CHE:


il proprietario di questo blog è:

- 5o membro dell' A-team
- sostenitore della LAV
- nemico della coca cola
- insoddisfatto della conclusione di TWIN PEAKS
- aspirante storico professionista
- in lotta contro la kinder che ha sostitutito il testimonial vintage anni 80 con un lurido truzzetto sulle confezioni delle barrette al latte
- non è mai chic, solamente al limite qualche volta è un po' fashion
- il mio supereroe preferito è clint eastwood
- il futuro indiana jones
- fiero di essere veneto e moralmente inferiore

nonchè

INDISCUTIBILMENTE METALLARO

...e ha presenziato ai concerti di :

MERENDINE ATOMICHE  (2001- 2008)
EXTREMA  (2002- 2003- 2005)
LACUNA COIL  ( 2002- 2003- 2004- 2005)
METALLICA  ( 2003- 2004)
IRON MAIDEN  ( 2003- 2005)
MURDERDOLLS  ( 2003)
AUDIO SLAVE  ( 2003)
DREAM THEATRE  ( 2004- 2007)
BLACK LABEL SOCETY  ( 2005)
ANTHRAX  ( 2005- 2006)
DRAGONFORCE  (2005)
MOTLEY CRUE  ( 2005)
MEGADETH  ( 2005)
SEBASTIAN BACH  ( 2005)
SLAYER  ( 2005)
ARMORED SAINT  ( 2006)
DARK TRANQUILLITY  ( 2006- 2007)
DEATH ANGEL  ( 2006)
EXODUS  ( 2006)
THE GATHERING   ( 2006)
SINPHONY X  ( 2007)
ANATHEMA  ( 2007)
DMG  ( 2007)
BLIND GUARDIAN  ( 2007)
DIMMU BORGIR  ( 2007)
HEAVEN and HELL  ( 2007)
THE HAUNTED  ( 2007)
NODE  (2007)

...and much more!!








www.supermanu05.ilcannocchiale.it         

blog dal 9 settembre 2005












31 maggio 2008


benvenuti nella piccola officina degli orrori



con sottofondo composto da ennio morricone,
su questo blog,
oggi apre i battenti LA PICCOLA OFFICINA DEGLI ORRORI...





la mia piccola galleria dell'arte letteraria...
della mia arte letteraria...
cioè arte?
se no arte no... se no magari mi vien voglia di togliermi le costole come il vate...
no no arte no...
diciamo... ecco si...
diciamo il posto dove ho ammucchiato e ammucchierò tutti i racconti che invento e i flash che mi passano per la testa (tipo JD) che faccio in tempo a mettere per iscritto prima di dimenticarmeli...
si ecco...
così si,suona meglio.
..
ecco quindi... accomodatevi a vedere la mia nuova rubrica che cambierà il vostro modo di vivere e pensare...



beh accomodatevi allora...





permalink | inviato da supermanu05 il 31/5/2008 alle 21:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


28 maggio 2008


l'uomo del monte ha detto yeah!! (hic!)




chi non si ricorda dell'uomo del monte? quello che andava ogni giorno al campo degli ananas e sotto l'occhio vigile di tony il contadino assaggiava l'ananas e faceva segno di si...
e allora subito tony col suo walkie-talkie  diceva trionfante:

L'UOMO DEL MONTE HA DETTO SI!

e subito tutti partivano a raccogliere e inscatolare ananas perchè l'uomo del monte ti garantisce che inscatola l'ananas 10 minuti dopo averlo raccolto (non un secondo più tardi)...



ma non c’è solo l’ananas del monte...
c’è anche preoccupazione nella cascina del monte...
c’è un caldo afoso, i muri gialli della grande casa sono bollenti, l’auto dell’uomo del monte sta li parcheggiata, tristemente coperta da giorni di polvere e di inutilizzo...
l’uomo del monte è nella stia della casa al lavoro...
si sentono gli alambicchi per la grappa bollire sommessamente e il ronfo inconfondibile del potente motore della birratrice che ogni anno produce la birra che solo l’uomo del monte garantisce sia imbottigliata entro i 3 minuti da quando è stata prodotta...
tony il contadino è preoccupato e se ne sta li di fianco al telefono sudato e abbronzato, bevendo acqua...
siamo in ritardo... questo è il pensiero di tutti i ragazzi e le ragazze della cascina mentre bevono acqua pensando alla freschissima birra del monte che tarda ad arrivare...
questi giorni è stato caldo umido e la birratrice ha avuto problemi e per 2 giorni il motore si è sentito a singhiozzo... l’uomo del monte da giorni non esce dalla stia e per quei 2 giorni il rombo della birratrice è stato sostituito dai suoi rosari di bestemmie ...
ora tutti i rumori sono normali, ma i problemi probabilmente rimangono...
tony continua a controllare quella finestra col binocolo insieme a tutti gli amanti dell’alcol del monte, ma l’uomo del monte non esce da quasi due settimane: l’unica volta che si è affacciato alla finestra ha scosso la testa...
come farà la gente senza la grappa del monte?
e senza il whiskey del monte?
e senza la birra del monte, la più fresca del mondo?
passano i giorni, le notti...
la birratrice continua a rombare... gli alambicchi continuano il gorgogliio...
i lavoranti della tenuta continuano a lavorare ridendo mentre inscatolano gli ananas e tagliano la macedonia...
le manguste domestiche hanno catturato un cobra e 3 zingari e adesso stanno facendo un banchetto laggiù vicino alla stalla...
poi un rumore nuovo fa sobbalzare dalla panchina tony che per sbaglio si versa anche l’acqua sui pantaloni... non è l’esplosione di un alambicco...
è proprio un rutto...
un rutto dell’uomo del monte...
poi torna il silenzio...
passano i giorni...
i camion vuoti pronti a essere caricati di birra a wiskey sono li fermi allineati, e tony se ne sta a dar da mangiare alle manguste domestiche che aspettano impazienti il ritorno del padrone...
i giorni passano e la calura estiva continua... ormai gli amanti della birra del monte iniziano a pensare se non è il caso di andarsi a comprare alla chetichella un po’ di ceres...
tony è sempre più preoccupato ...
perfino i suoi aiutanti neri, preoccupati anche loro e senza birra stanno diventando albini...
uno di loro è pure andato in farmacia a comprare la crema solare protezione 30...
ma tony fiducioso anche se sempre più preoccupato contina a scrutare col binocolo... ormai ha fatto gli occhi del panda...
e continua, continua a guardar col binocolo quella finestra chiusa ... maaaa a un certo punto...
ma che vede?
è l’uomo del monte.
si è affacciato alla finestra con un mestolo di birra in mano e tenendosi sulla maniglia del balcone guardando il gruppetto di che sta li sotto la finestra e cerca di parlare...
dopo 10 minuti a prendere fiato e barcollando con un filo di voce dice:
YE(hic!)-AH!!!


e tony presa la trasmittente da il fatidico messaggio al mondo:
l'UOMO DEL MONTE HA DETTO YEAH!!!!!! (hic!)



ed è festa per tutti!!!!



ecco... ho quest'immagine che mi intrippa da ieri pomeriggio...





permalink | inviato da supermanu05 il 28/5/2008 alle 11:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


23 maggio 2008


PINA LA MANGUSTA




è primavera... 
c'è un bel sole splendente nella valle degli orti.
nel cielo solo qualche nuvoletta bianca spinta dalla brezza mattutina...
gli uccellini cinguettano e da lontano un cane abbaia mentre chuck norris si allena abbattendo querce secolari a suon di calci volanti a girare...
c'è un breve scalpiccio e dall'erba alta vicino il ciglio della strada compare il simpatico musetto di pina la mangusta della campagna se ne esce per strada a farsi un giro...
ma in mezzo alla strada striscia scivoloso il corpo verdastro del cobra...
il cobra guarda la pina...
ma la pina si avvicina ringhiando...
il cobra si alza in piedi... ma la pina è li minacciosa con i denti di fuori e va avanti e indietro...
il cobra fa il duro... ma ha paura...
e così la pina dopo un po' su stufa, beve una birra (la famosa birra della mangusta), prende, sfodera il famoso dito della mangusta



e cambia strada...





...perchè...

LA MANGUSTA è L'UNICO MAMMIFERO CHE PUò NEUTRALIZZARE IL COBRA...







permalink | inviato da supermanu05 il 23/5/2008 alle 1:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


28 gennaio 2007


quando gli alieni mi portarono via...




da una pagina del diario di mia sorella... per chi non era al corrente che una volta gli alieni mi han rapito...







Tutto è successo quasi due mesi fa,  il 18 luglio, giorno in cui qui a Bolzano Vicentino si sono esibiti all’annuale festival metal internazionale i Megadeth nel prato dietro il campo da calcio. Lo ricordo bene perché mio fratello per mesi ha continuato a tormentarmi dicendomi che il suo gruppo preferito avrebbe suonato qui proprio il giorno del suo compleanno per fargli un regalo, visto che lui è così importante, famoso, straordinario…  .Ma quando mai. Comunque il gran giorno arrivò, e mio fratello che aveva comprato il biglietto già da tre mesi  (anche se era un tipo così importante aveva dovuto pagare lo stesso 82euro), fin dalla mattina del 16 luglio si era accampato insieme ad alcuni amici sotto il palco; aveva portato con se viveri in abbondanza e la bandiera dei Megadeth oltre al suo portafortuna: un piccolo ciondolo a forma di teschio appesa alla catenina. Di loro non sapemmo più nulla sino alla sera del concerto.Quel giorno il caos in paese fu infernale: branchi di fans già alticci giravano per le strade gridando come fossero in preda a chissà quale malattia mentale e affollando il bar “da Guido” che purtroppo è proprio accanto a casa mia. Alle sette di sera fortunatamente i metallari avevano abbandonato il bar del raggiante Guido (aveva venduto quasi quatromila ottocento litri di birra in quattro ore) per spostarsi in massa al campo di calcio dove la birreria “sporting & ta.ci.” apre alle sette e trenta. E’ stato però verso le dieci che cominciò per me la vera tortura: il frastuono proveniente da est era il segnale che il primo gruppo (gli Extrema) aveva iniziato lo show; già mi immaginavo con orrore quel gruppo di individui urlanti, sporchi e sudati che si agitavano ascoltando quell' orribile musica e, ancora mi chiedevo come aveva fatto l’anno scorso mio fratello a conoscere la sua inseparabile fidanzata al concerto dei Pantera a Milano (che ci troveranno di bello delle ragazze ai concerti metal?). Intanto era arrivata mezzanotte e mezza, i Megadeth suonavano già da una mezz’ora e io sentendo quel frastuono non riuscivo proprio a dormire quando mi arrivò un messaggio sul cellulare: era mio fratello che voleva che finita l’esibizione di Dave Mustane e compagni andassi al campo sportivo perché voleva farmi vedere una cosa straordinaria. Io pensai –“si è bevuto quel poco cervello che gli era rimasto”. Poi però appena finito il concerto ho preso i pattini a rotelle e mi sono diretta agli impianti sportivi pensando disgustata alle centinaia di persone che avrei visto di lì a qualche minuto: e in particolare a mio fratello, mezzo ubriaco, assordato dalla sua musica, sudato e che non si lavava da tre giorni. Che schifo. Ma quando sono arrivata al campo vidi qualcosa di incredibile.


Ero esterrefatta e sconvolta.



Il campo era vuoto: il palco, i fan e l’immondizia che avevo visto accumularsi in quei giorni di follia metallara erano scomparsi, persino la birreria ,dove ero entrata per chiedere alla romy cosa fosse successo era deserta; c’erano solo grandi cerchi, dei grandi cerchi di erba bruciata nel bel mezzo del campo… .Stupita tornai verso casa pensando a ciò che avevo visto….Grandi cerchi di erba bruciata in un campo? L’idea: alieni! Per un attimo fui felicissima: gli alieni avevano rapito i metallari, e chi li rivoleva indietro?!


Poi però ho pensato a Manuel che mi racconta fantasiosamente delle avventure vissute durante i concerti a cui ha assistito, alla sua ragazza Gessica che mi ha insegnato a truccarmi come lei… ma per fortuna io non ho imparato e ai suoi amici: Pasinator, Andrea, Piero, Piva, Anzai e gli altri così mi dispiaceva un po’ per loro.


La mattina del 19 mi sono incamminata alla volta del campo per indagare, ma avevo poche speranze: se erano stati tutti rapiti dagli alieni che avrei potuto fare io?


 Era terribile sarebbero stati torturati e analizzati come nella peggior tradizione dei film americani...  e chissà che idea si sarebbero fatti gli alieni sul genere umano  analizzando dei metallari...

che figura di merda che avremmo fatto tutti…


Con tutti quei tristi pensieri in testa arrivai e rimasi sconvolta da ciò che c’era davanti a me, uno spettacolo terribile, non avrei mai immaginato di assistere a qualcosa di simile e mi chiesi se non stessi sognando, ancora oggi non so come ho fatto a non distogliere lo sguardo: centinaia di metallari sdraiati sull’erba, sulla terra o sui loro sacchi a pelo stavano dormendo profondamente in mezzo alla loro immondizia; anche l’odore era per me insopportabile. Iniziai a camminare tra quegli individui per cercare mio fratello; lo trovai che dormiva avvolto nel suo bandierone dei Megadeth. Lo svegliai e lui si mise a raccontarmi fesserie in modo più che fantasioso sui Megadeth (stava bene) e a chiedermi perché la sera prima non fossi andata a vedere la Gessica con i capelli fuxia. Nel frattempo anche i suoi amici si erano alzati in piedi e vidi per terra un cerchio di erba bruciata...

Decisi di non dire nulla a mio fratello di ciò che avevo visto la sera prima.










nota:

dir la verità è una cosa che ho scritto io 4? 5? anni fa... sicuramente prima del 12 giugno 2003 quando piansi al conecerto dei metallica ad imola...

boh non mi ricordo quando l'ho scritto... a mia sorella serviva un racconto fantastico e questo ho partorito...    è scritto in fretta... però è carino...

per chi volesse saperlo, la gessica coi capelli fuxia non esiste, però tutto il resto si, a parte il festival del metal internazionale dietro al campo da calcio (lo organizzerò io, fra qualche anno...) e... veramente neanche il teschio portafortuna... per ora ho tanti cimeli porta-sfiga... ma portafortuna ancora nulla... ah un'altra cosa...





            




permalink | inviato da il 28/1/2007 alle 2:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


16 ottobre 2006


e un bel giorno, son diventato marito e papà...





tutti parlano di tasse e della finanziaria che deve tutelar le famiglie...
sarà...  chissà se con la mia mogliettina Gaia , e quelle due tesorine di 3 (daniela) e 1 anno (irene) pagherò meno tasse...
no aspetta avevano 3 e 1 anno a gennaio 2005 quindi ormai avrebbero 5 e 3 anni le mie marmocchiette...
sono un padre di famiglia?
per fortuna mio padre ci ha regalato l'appartamento nel 2004 quando c'era ancora berlusconi e la tassa di successione non c'era...
sto delirando?
non del tutto...
semplicemente pensavo a quando nel gennaio 2005 raccontai di esser padre di famiglia...
come mai una cosa simile?
no... non per farmi corrompere da aspiranti baby sitter o per conquistar fanciulle amanti dei bambini... semplicemete dovevo zittir una vecchia...
dovete sapere che in quei giorni passavo la giornata a bestemmiare contro i maledetti ascensori, il farabutto del capo che mi annulla le ferie di natale quel cretino del mio collega a cui piace tanto non fare le ferie, in altre parole, stavo lavorando durante le feste di natale per colpa di un mio collega che ha chiesto al capo di lavorare sotto le feste e siccome c'era bisogno anche di una seconda persona il capo ha scelto me...
quei giorni andavo a mangiare in una piccola trattoria in quel di thiene, dove per pranzo ero praticamente l'unico cliente, e così finiva che pranzavo in tavola col ristoratore, la moglie, e le figlie liceali...
erano pranzi piacevoli...
purtroppo un brutto giorno portarono a casa la nonna dall'ospizio...
una barbosa e barbuta vecchietta che annoiava tutto l'uditorio raccontando di che bene si stava in ospizio...
... i miei nonni raccontavano cose interessanti...
quella vecchia, NO
e così decisi di zittirla sconvolgendola
dal nulla dissi:
- mia figlia daniela ha un po' di influenza...
tutti si son girati con aria dubbiosa...
a quel punto ho aperto la diga e ho iniziato a raccontare della mia fantomtica mogliettina (Gaia ) 20enne che sta finendo le superiori originaria di creazzo e figlia di una coppia di deficenti , proprietari di una agenzia di viaggi che stanno sempre a ridere per qualcosa e che sono sempre in crocera ( pure al battesimo della daniela, meno male che quest'estate mi han regalato una bella vacanza) delle mie due figlie daniela e irene delle malattie che prende una e passa anche all'altra e che poi si prende pure mia sorella...
di mio padre che odia mio suocero, mia madre che è contenta come una pasqua di aver le nipotine in casa e poi esce e le molla a mia sorella...

mia sorella che si incazza che deve tenerli lei invece che vedersi col moroso
la gaia che ha ormai perso tutti i contatti col suo giro di amicizie e un po' la cosa mi spiace, specie perchè fa comunella con certe arpie di fidanzate di alcuni amici miei...
la complessa scelta della madrina per il battesimo dell'irene, e mille altre cose...
come ho pensato i nomi?
- quella sera dovevo uscire con una certa irene
- la figlia del ristoratore seduta davanti a me si chiamava daniela (tutta sua nonna... furba uguale), a differenza di sua sorella elisa che era meno bellina ma 1000 volte  sveglia (evidentemente nonne diverse)
- in tv c'era gaia de laurentiis






naturalmente l'unica a creder a questa favoletta era la nonnetta...
quale persona col cervello non del tutto arrugginito potrebbe pensare che io possa aver messo su famiglia??
nonnetta che comunque era pure premurosa a domandarmi i giorni successivi come stavano le marmocchiette e come andava a scuola la consorte e una volta, tempo dopo, andai la a bere una grappa con un collega e lui mi disse:
- manuel paga te
e la vecchia
- ma lei non lo sa che lui ha a casa da mantenere una moglie e due figlie piccole...
gentile la vecchia... avrei dovuto domandargli un po' della sua pensione

:-P





ps: par proprio mia figlia , con la maglietta dei metallica   :-)




permalink | inviato da il 16/10/2006 alle 23:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa


20 luglio 2006


una persona davvero importante





è da stamattina alle sette che rabbrividisco pensando alle liberalizzazioni sulla vendita dei farmaci...
fin che facevo colazione ho avuto il flash del mio bezinaio di fiducia, l' ottantenne ernesto baù, quello che ha 79 anni ha schiaffeggiato una vigilessa ed è stato arrestato... si si aveva proprio 79 anni perchè è capitato in autunno dell'anno scorso, e ha fatto gli 80 anni 2 settimane fa... mi ha pure offerto una pastina e un bicchiere di bianco...
ecco dicevo... questo bel personaggio, me lo son visto col suo cappellino dei camion volvo e il camice bianco da farmacista (con il loghetto agip naturalmente) li, dietro un banco dei medicinali all'interno del distributore, posto in mezzo tra il super aspiratore per pulire le auto e il ponte dove fanno i cambi dell'olio, col suo fare ansante a prescrivere pastiglie e supposte...


chiudiamo tutti gli occhi e immaginiamo...





stazione di servizio agip lungo la statale 53 con 6 pompe multiple , autolavaggio, bar, postazione per le piccole riparazioni su auto e camion...
è una giornata normale, di sole... tanto traffico sulla statale, due camion stanno facendo gasolio, altri 3/4 sono parcheggiati in disparte, altre 3 auto e 1 furgone stanno rifornendo mentre altre auto aspettano... ci sono una quindicina tra auto e furgoni parcheggiate nel parcheggio del bar, ninni (il figlio più giovane di ernesto) sta cambiando il filo dell'accelleratore su un camion aiutato dal camionista e dall'elettrauto che ha l'officina li vicino (e che è molto amico dei baù) , il nuovo ragazzo macedone sta dietro alle pompe di benzina,  fabio minuzzo (è un genero di ernesto) sta lavando un' audi grigia, oscar (l'altro figlio di ernesto) dovrebbe stare alle pompe e tirare i soldi ma sta rincorrendo una trentacinquenne bionda attorno alle pompe di benzina mentre la sorella di oscar appoggiata alla porta del bar a fumarsi una sigaretta ride, come pure ridono tutti quelli che stan seduti a chiacchierare bevendosi una birretta fresca sulle sedie vicino il distributore e ai tavolini del baretto...
ed ernesto?

ernesto, cappellino volvo trucks il testa, sigaretta MS in bocca, ansante nel camice bianco aperto con la spillina dei farmacisti da un lato e il cane a sei zampe dell'agip ricamato sul taschino (naturalmente sotto avrà una camicia a quadretti aperta e con le con maniche tirate su)  se ne sta seduto beatamente dietro al bancone dei medicinali da dove puoi distingure chiaramente quel buon odore di olio bruciato che emana l'attigua postazione per il cambio d'olio e dove il frastuono dei camion che vanno e vengono non copre le urla di oscar che urla :
-ahahahahah e deso te ciapo!!
trad: e adesso ti prendo!!

poi arriva al banco farmacia un quarantenne, occhio languido, fare emaciato, chiaramente affetto da dolori di stomaco... e sta zitto


alchè, ernesto lo guarda e gli dice:
-cosa gheto roky? steto poco ben?
trad: cos'hai roky?stai poco bene?

l'emaciato cliente risponde:
buongiorno signor farmacista, sono affetto da forti dolori di stomaco, ho un po' di stitichezza e dolori alle ossa... ha qualcosa per curarmi? sa, ho una partita di curling tra 2 ore...

ernesto con fare bonario lo guarda, sghignazza, si gira verso il cassettone con scritto "supposte", di fianco a quello con scritto "pastiglie freni camion fiat" spegne la sigaretta ormai finita e dice :

-ahh ahhh ahhh ciapa qua e suposte roky e se a novità dell'agip,
trad: prendi le supposte roky sono la novità della agip

cliente ammalato:  
-quante ne prendo al giorno?

ernesto:
- toghene na sbrancà al di par na setimana, co te vien par cambiar l'oio dea machina cambiemo anca tipo de supose
trad: prendine una manciata al giorno per una settimana, quando vieni a cambiare l'olio dell'auto cambiamo anche tipo di supposte





... naturalmente nessuno dei presenti si chiama roky



ernesto baù: benzinaio, meccanico, massacratore di vigili e pure farmacista. una persona davvero importante.




permalink | inviato da il 20/7/2006 alle 22:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia     gennaio